MARATOLUNA: UNA MARCIA PER TUTTI

In occasione della 13a Maratoluna a San Giovanni di Casarsa, il redattore e la media social editor della cooperativa sociale Futura intervistano Erminio Fabris, vice-presidente e volontario storico dell’associazione Laluna, per scoprire qualcosa in più.

Erminio da quanti anni fai volontariato alla Laluna e cosa ti ha spinto a farlo?

Faccio volontariato alla Laluna dal lontano 1998, quindi quest’anno festeggio la mia maggiore età come volontario. Sono arrivato in associazione per puro caso, ne sentivo parlare in paese e ho deciso di andare a vedere di cosa si trattava. Una volta entrato non ne sono più uscito: è stato amore a prima vista.

Ci dici in poche parole che cos’è Laluna?

Laluna è un’associazione di volontariato che ormai dal 1994 si occupa di disabilità. All’inizio l’obiettivo dell’associazione era organizzare attività ludico/ricreative per persone con disabilità ma ha ben presto cercato di focalizzare il suo operato ascoltando i bisogni del territorio in particolare sul tema del “Dopo di Noi”, tanto sentito dalle famiglie delle persone con disabilità. Da li la nascita nel 1998 della Comunità “Cjasaluna Paola Fabris” e il crescente impegno, non solo del volontariato ma anche di professionisti nelle progettazioni sull’abitare in chiave di autonomia. Nel 2013 la crescita sensibile delle progettazioni gestite da personale dell’associazione hanno condotto Laluna ad assumere la qualifica di impresa sociale. Ad oggi sono numerosi i progetti che Laluna gestisce, in particolare: la comunità alloggio Cjasaluna, l’appartamento per l’autonomia abitativa a Cjasaluna, il progetto di propedeutica all’abitare a Sacile, un progetto educativo che coinvolge 7 giovani con disabilità e diversi progetti di autonomia. Ora l’associazione sta investendo molte energie nella progettazione de “Laluna nuova”.

Com’è nata la Maratoluna e qual’è il suo scopo?

La Maratoluna nasce nel 2004, anno in cui abbiamo inaugurato la nuova comunità alloggio. In quel periodo Laluna aveva organizzato un ricco calendario di eventi a contorno dell’inaugurazione e aveva pensato che potesse essere carino realizzare una passeggiata aperta e adatta a tutti, con partenza e arrivo presso la nostra comunità.
Il suo scopo è proprio quello di aprire, per l’intera giornata, le porte della Cjasaluna a chi non la frequenta in maniera assidua o a chi partecipa alla passeggiata per la prima volta.
Nell’arco degli anni abbiamo sempre cercato di dare un diverso tema alla passeggiata cercando di utilizzare il richiamo della Maratoluna per poter valorizzare le peculiarità del nostro territorio.

Secondo te perché c’è tanta partecipazione?

Credo che la popolarità della Maratoluna sia da attribuirsi al fatto che è una passeggiata studiata per tutti. Il percorso è, per quanto possibile, privo di ostacoli e facilmente percorribile per chiunque; la distanza è alla portata di tutti. Ma il suo successo è sicuramente dovuto al grado di divertimento che si prova partecipandovi; lungo il percorso vi sono sempre dei punti in cui si cercano di coinvolgere i partecipanti, i ristori sono sempre molto forniti e gestiti da volontarie storiche del paese, la festa finale, con pastasciuttata per tutti, è sempre molto partecipata e, nonostante la distribuzione della pasta termini poco dopo il mezzogiorno, di solito ci si ferma a godere del giardino di Cjasaluna sino a pomeriggio inoltrato.

Chi è che in seno all’associazione decide il percorso da fare?

Il percorso viene deciso dal gruppo che si dedica all’organizzazione della Maratoluna e, per quanto possibile, viene modificato ogni anni, anche in base alle esigenze del tema che si vuole proporre.

Sappiamo che il percorso è sempre un segreto… ci sveli solo qual cosina ?

Certo, ben volentieri. Il percorso è di 7 km, è percorribile da tutti e porterà i partecipanti “Dritti al centro dello sport”. Volete sapere altro? Vi aspettiamo Domenica 25 alle 9.30 in Cjasaluna.

Abbiamo visto sulla locandina che quest’anno c’è la 1^ Maratoluna by night, ci spieghi cos’è?

Come ben saprete a San Giovanni ha preso piede, da un’idea lanciata dal dott. Ciro Antonio Francescutto, il gruppo di “Quelli della Notte”, che ogni martedì sera si ritrova presso la piazza di San Giovanni per un’oretta circa di corsa/camminata da farsi in gruppo.
Abbiamo pensato di ospitare, per una sera, la partenza e l’arrivo di questa fantastica iniziativa, con le solite modalità: partenza camminatori ore 20.45, partenza corridori ore 21.15 e arrivo per tutto alle 22. Al termine the e biscotti per tutti i partecipanti con un ristoro gestito in collaborazione con il gruppo Avis di Casarsa – San Giovanni.
Per altre informazioni su questa fantastica iniziativa vi inviterei a fare qualche ricerca online; trovate “Quelli della Notte” su tutti i principali social e maggiori info sul sito www.curaticonstile.it

Erminio un’ultima domanda… abbiamo saputo che la comunità “Cjasaluna Paola Fabris” si sta ampliando…. ci dici qualcosa?

Diciamo che più che Cjasaluna, stiamo progettando nuovi servizi e non solo, proprio a livello di associazione. Il progetto che stiamo definendo proprio in questo periodo, frutto di un progetto iniziale che ci ha permesso di migliorare la qualità del servizio di Cjasaluna, dar vita alle nuove progettazioni su Sacile e creare un team di lavoro molto qualificato e motivato, ci porta ad aprirci a nuovi modi di vedere l’autonomia delle persona con disabilità e a creare soluzioni che possano rispondere in maniera più completa alle evoluzioni dei bisogni della società. Il progetto prende il nome di “Laluna Nuova” e, appena ne avremo definito gli ultimi capisaldi, sarà condiviso con la collettiva dalla quale speriamo di avere dei feedback che ci permetteranno di rendere tale progetto ancor più calzante alle esigenze attuali del territorio.

Paolo Belluzzo
paolobelluzzo@futuracoopsociale.it

Giovanna De Caro
giovannadecaro@futuracoopsociale.it

About Giovanna De Caro

Giovanna De Caro has created 132 entries.

Posta un commento