PERCORSI MUSICA&MOVIMENTO

Coadiuvare la riabilitazione sanitaria e sviluppare una terapia in cui lavorare con il corpo in forma pedagogica: “Emozionarsi dà accesso alla vita e ci rende disponibili e flessibili a nuovi apprendimenti”.

La BIODANZA è un sistema d’integrazione affettiva, di rinnovamento organico e di riapprendimento delle funzioni originarie della vita. Nasce nel 1960 nell’Ospedale Psichiatrico dell’Università Cattolica di Santiago del Cile dove, per opera del suo ideatore Prof. Rolando Toro, psicologo e antropologo cileno, diventa anche vera e propria materia di un corso universitario nel Dipartimento di Estetica della Pontificia Università Cattolica del Cile. Questo metodo portò i pazienti ricoverati a sperimentare un maggiore movimento, a recuperare una connessione con la vita, a sperimentare nuovamente sentimenti di gioia e di valorizzazione di sé. Essendo basata principalmente su concezioni biologiche e antropologiche, nel tempo si è reso evidente come questa metodologia sia accessibile a qualunque essere umano poiché racchiude in sé movimenti di legame con la vita raggiungibili da tutti. Le necessità sociali di una comunicazione affettiva espandono questa metodologia a tutti i campi dell’espressione umana. Oggi la BIODANZA è diffusa in tutto il mondo grazie al lavoro dell’International Biocentric Foundation e, per il nostro paese, dalla Biodanza Italia, organizzazioni che raccolgono il lavoro prezioso di migliaia d’insegnanti qualificati.

Obiettivi:

  • stimolare e sviluppare il benessere, la gioia di vivere, la comunicazione;
  • sviluppare le capacità di partecipazione, condivisione e collaborazione (integrazione del gruppo);
  • stimolare l’esplorazione e l’espressione delle potenzialità di ogni individuo;
  • rafforzare le emozioni sane e la loro espressione coerente con l’ambiente;
  • indurre a un apprendimento attraverso la “vivencia” ovvero l’emozione del vivere “qui e ora”, stimolando un’espressione autentica di sé;
  • facilitare la relazione d’incontro immediato con l’altro, nel rispetto dei bisogni di entrambi (feedback);
  • stimolare la disponibilità e l’apertura alle capacità di apprendimento;
  • rinforzare le funzioni organiche;
  • integrazione psicomotoria individuale, con aumento della vitalità, delle capacità espressive, e di dissoluzione delle tensioni muscolari;
  • integrazione affettivo-motoria: integrare le emozioni con il movimento;
  • favorire l’espressione dell’identità e l’aumento dell’autostima.

Modalità:

Le lezioni di BIODANZA si svolgono in gruppo e gli elementi che caratterizzano il lavoro sono:

  • la danza, attraverso l’espressione di movimenti carichi d’emozione;
  • la musica, che stimola l’espressione dell’emozione integrata al movimento;
  • la “vivencia”, istante nel “qui e ora” vissuto con intensità.

Verranno proposti esercizi con: danze sia individuali che di gruppo o a due e più individui, di tipo ritmico, melodico, espressivo, creativo, vitale, affettivo, e di gioco. Gli esercizi saranno sempre prima dimostrati e spiegati dall’insegnante, la partecipazione sarà libera e dipenderà dalla disponibilità di coinvolgimento dei partecipanti.

Destinatari:

Gruppi specifici con caratteristiche simili:

  • adulti
  • diversamente abili, anziani, pazienti psichiatrici, tossicodipendenti, persone con disturbi alimentari (si applicano degli schemi metodologici finalizzati essenzialmente alla profilassi);
  • gruppi eterogenei;
  • adulti con problemi come insicurezza, mancanza affettiva, difficoltà a stabilire legami profondi, stress, mancanza di impeto vitale, sintomi psicosomatici;
  • gruppi professionali;
  • insegnanti, colleghi in aziende, operatori socio-sanitari;

Luoghi:

I contesti in cui svolgere l’attività sono:

  • nelle istituzioni sanitarie
  • nelle istituzioni psico-sociali
  • nelle istituzioni socio-educative e sanitarie (ospedali, cliniche, residenze sanitario-assistenziali per anziani).

E’ auspicabile la partecipazione degli operatori e o di volontari alle sessioni, in numero proporzionale agli utenti e alla loro gravità. La loro presenza oltre ad essere di supporto agli altri è importante per scaricare lo stress e le tensioni accumulate nel lavoro di cura, e per sperimentare un rapporto diverso con gli utenti che ne rinnovi la qualità

Tempi:

12 incontri di circa un’ora ciascuno a cadenza settimanale.

Verifica:

Durante il percorso si prevedono verifiche attraverso l’osservazione, colloqui con gli operatori e si prevede altresì l’utilizzo di riprese audiovisive se i partecipanti e i loro familiari acconsentiranno.

Marco_de_sibio

Conduttore: Marco De Sibio, Pordenone, educatore e socio della cooperativa sociale Futura, socio fondatore e componente del direttivo della A.S.D. e P.S. OltreFutura, insegnante titolato di Biodanza presso la Scuola del Triveneto di Padova, specializzato in Biodanza in Natura e Acquatica e specializzando in Biodanza Clinica, ideatore e responsabile del portale dedicato al benessere in Friuli Venezia Giulia: www.benesserefvg.it

Conduce gruppi di biodanza con disabili, adulti, anziani con Alzheimer, tossicodipendenti e pazienti psichiatrici da oltre 7 anni.

PER RICHIEDERE IL CORSO

Costi: € 951,60 iva 22% incl. (€ 780,00 + iva 22%)
Rimborso spese per trasferte superiori ai 25 km.
Il laboratorio e il relativo costo sono riformulabili in base alle esigenze del richiedente.

Per info: Marco De Sibio, referente Percorsi Musica&Movimento Futura Cooperativa Sociale Onlus, San Vito al Tagliamento (Pn) t. 0434 875940

Scarica il pdf

TUTTI I NOSTRI CORSI

Laboratorio di Danzaterapia Laboratorio di Biomusica Laboratorio di Musicoterapia Laboratorio EspressiVITA